Come preparare il liquore al mandarino (mandarinetto)

Esistono numerosi liquori a base di frutta, ma quelli agli agrumi, come il liquore al mandarino, sono tra i più caratteristici e graditi per l’aroma e il gusto, davvero unici. Il liquore al mandarino, detto anche “mandarinetto“, è un liquore digestivo della tradizione siciliana, ideale da gustare freddo dopo i pasti oppure da utilizzare per aromatizzare dolci e macedonie.

Cosa ti serve

lavate i mandarini sotto l’acqua corrente e con una spugnetta nuova per eliminare eventuali impurità, asciugate i mandarini con un canovaccio. Prendete un pelapatate e iniziate a sbucciate i mandarini, prelevare solo la scorza arancione e non la parte bianca che renderebbe amaro il vostro liquore. Prendete un barattolo con chiusura ermetica e versate un litro di alcool puro e le scorze dei mandarini, chiudete il barattolo e lasciate macerare le scorze nell’alcool per 7 giorni in un luogo buio e lontano da fonti di calore.

Trascorsa la settimana preparate lo sciroppo, prendete lo zucchero, mettetelo in una pentola e fatelo sciogliere a fuoco acceso, aggiungendo poco alla volta l’acqua, finché non si sarà formato uno sciroppo che non sia troppo denso. Quando il caramello assumerà un colore leggermente ambrato aggiungete tutta l’acqua rimasta, spegnete il fuoco e lasciate raffreddare lo sciroppo. Prendete ora il barattolo e aggiungetelo allo sciroppo, mescolate bene, filtrate il composto per eliminare le scorze, imbottigliatelo.

Riponete le bottiglie di liquore in un luogo fresco e asciutto per almeno un mese. trascorso il mese il liquore è pronto per essere consumato. Il liquore va servito freddo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate
Pubblicità







Verdura e frutta di stagione