Come preparare il liquore all’anice

Il liquore all’anice è eccezionale da servire come digestivo al termine di un pranzo o una cena. Il liquore all’anice ha un gusto molto delicato. Il liquore all’anice è ottimo anche per preparare bevande estive dissetanti. è utilizzato anche in pasticceria per preparare ottimi dolci.

COSA TI SERVE

Lavate il limone sotto l’acqua corrente e con una spugnetta nuova per eliminare eventuali impurità, asciugate il limone con un canovaccio. Prendete un pelapatate e iniziate a sbucciarlo, prelevare solo la scorza gialla e non la parte bianca che renderebbe amaro il vostro liquore.

Pestate i semi di anice nel mortaio per favorire l’infusione degli oli essenziali nell’alcool.

Prendete un barattolo con chiusura ermetica e versate mezzo litro di alcool puro, i semi di anice pestati, le scorze del limone e la bustina di vanillina. Tappate il barattolo, agitatelo per qualche istante e poi riponetelo in un luogo a vista e lasciate macerare il composto per 20 giorni. Almeno una volta al giorno agitate il barattolo con il macerato.

Trascorso il tempo di macerazione, mettete lo zucchero in una pentola di acciaio, aggiungete l’acqua e fate bollire a fiamma moderata fino a quando otterrete uno sciroppo di colore giallo paglierino. Spegnete il fuoco e poi lasciate raffreddare.

Nel frattempo filtrate l’infuso di anice con un colino a rete fittissima e aggiungetelo allo sciroppo. Mescolate con un cucchiaio di legno per amalgamare gli ingredienti. Filtrate ancora per chiarificare il liquore; imbottigliate, tappate e conservate in un luogo fresco e buio per almeno 2 mesi prima di gustarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate
Pubblicità







Verdura e frutta di stagione